Applicazioni Android e iPhone nella dieta

Applicazioni Android e iPhone nella dieta.

Troviamo nel web un interessante articolo che aiuterà certamente i più tecnologici dei nostri lettori

———-

L’estate è alle porte è bisogna, per chi ne ha necessità, rimettersi in forma.
Il contacalorie Android, in questo caso, può essere un ottimo strumento di aiuto.
Io l’ho provato sul mio Xperia X10 e devo dire che è una delle migliori applicazione gratuite che ho scaricato dal market.

Gli interaction designer che lo hanno creato sono stati essenziali senza trascurare nulla. A prima vista sembra un’applicazione semplice ma non lo è.
L’interfaccia è molto intuitiva e il database è aggiornabile dagli utenti.
I cibi possono essere inseriti nel Diario Alimentare giornaliero anche utilizzando lo scanner della fotocamera; molto comodo (anche se poco aggiornato).
Vi è una notevole banca dati delle Marche più conosciute, ma la vera chicca è il Diario delle Attività Fisiche. Poter vedere con buona approssimazione quante calorie spendiamo nelle nostre attività ci permetterà di controllare meglio quante ne possiamo assumere; ci trovate di tutto dalla boxe al lavoro d’ufficio e alla guida; in default è impostato sul dormire e riposare (incredibile riposando si bruciano circa 90 calorie l’ora).

Molto utile la funzione sulle schede dei cibi che permette di inserirli sul diario o in dosi preordinate o in grammi; se siamo al ristorante dobbiamo valutare ad occhio e va bene sintetizzare per fette, dimensioni etc…, ma se ci facciamo il panino presso l’alimentari possiamo sapere le quantità reali.

Dopo che l’ho smanettato per un pò di giorni sono diventato sempre più preciso ed è questo il merito di questa applicazione: non è approssimativa. Come tutti gli strumenti di qualità garantisce una buona precisione e pertanto può portare a buoni risultati.

Il Tienti Traccia ci permette di tenere sotto controllo il nostro peso e con un diagramma a vista possiamo vedere i risultati. Il diagramma è impostato sul peso di partenza e sul peso di arrivo in caso vogliamo guadagnare o perdere peso.

Tutti i cibi che abitualmente mangiamo vengono salvati su una scheda a parte in modo che se la mattina facciamo colazione sempre con le stesse cose non c’è bisogno di fare nuove ricerche. Quindi più si va avanti e più si affina il proprio profilo. Dopo un paio di settimane è uno scherzo aggiornare quotidianamente il diario.

Molte persone a cui ho fatto provare l’applicazione sono rimaste stupite dal vedere quante calorie si possono assumere da cibi (pregiudizialmente ritenuti innocui) ai quali non attribuivano un potere calorico così elevato. Effettivamente la maggior parte di chi vuole solo tenere sotto controllo il proprio peso o perdere pochi chili spesso sottovaluta (o meglio non conosce) il valore calorico dei singoli cibi.

Eppoi si stupisce che non riesce a perdere pochi chili con mesi di dieta, oppure che li riprende con un paio di giorni dopo mesi di digiuno per perderli. Questo perché spesso non sa che un caffè con un cucchiaino di zucchero ha ben 36 calorie, che 100 grammi di pane ben 266, che un innocente biscottino senza niente ben 22 calorie (se te ne mangi dieci…) un fagottino al cioccolato 200 etc…

Conoscere il potere calorico dei singoli cibi è la chicca che può aiutare a chi lo desidera a mantenersi in forma. Ovviamente prima di tutto bisogna desiderarlo veramente, come ogni cosa d’altronde. Il contacalorie è e rimane solo uno strumento.

 

Come iniziare

Questo dato comunque va paragonato quotidianamente con quello che si estrapola dal Diario delle Attività Fisiche, che in base alle attività che quotidianamente registriamo ci indica effettivamente quanto stiamo consumando (e ci regoliamo di conseguenza). Nel Diario Alimentare troviamo in default l’impostazione a 2000 calorie per tutto il giorno. Cliccando sul diagramma delle calorie giornaliere si apre una funzione la quale inserendo età, peso, altezza e livello di attività, ci calcola il numero di calorie giornaliere.

Dopo aver calcolato il nostro fabbisogno calorico giornaliero possiamo iniziare a inserire quello che mangiamo in quattro schede: colazione, pranzo, cena, snack.

Cliccando sul segno + a destra della scheda che ci interessa si apre un menù di ricerca con varie opzioni. Possiamo anche cercare direttamente con la lente o con lo scanner (se abbiamo la confezione del cibo sottomano). Trovato e selezionato il nostro alimento possiamo stimarlo in fette, dimensioni etc… oppure in grammi (quando è possibile è la soluzione migliore). In alcune schede c’è anche l’immagine per poterlo valutare meglio.

Ora salviamo verificando nella schermata principale del Diario Alimentare quante calorie apporta al nostro fabbisogno.

Se non troviamo l’alimento giusto (e può succedere, il lardo di colonnata l’ho inserito io, così come la Beck’s) possiamo fare una ricerca su internet e creare noi la scheda (e questo penso che è un’ottima cosa e ci fa capire che non bisogna prendere per oro colato tutto ciò che troviamo nelle schede già impostate; quando è possibile verificate le informazioni con quelle delle confezioni).

A questo punto avrete smanettato abbastanza l’applicazione da poter scoprire velocemente tutte le funzioni e le possibilità.

Ora non vi resta che darvi da fare per mettervi in forma velocemente l’estate è alle porte.

 

Luciano Fabale

http://lucianofabale.blogspot.it/2011/04/android-il-contacalorie.html#!/2011/04/android-il-contacalorie.html