Tag Archives: colesterolo

Cura naturale per il colesterolo

Bergamotto, cura naturale per il colesterolo.
Rimedio nutraceutico al colesterolo, il bergamotto jonico-reggino è un ottimo rimedio per la salute dell’essere umano. Dal frutto raccolto, tra novembre e marzo, dalla pianta Bergamia Risso, che ha il suo habitat più esclusivo in provincia di Reggio Calabria, tra Villa San Giovanni e Monasterace, che si ottiene il succo, un concentrato di antiossidanti, minerali e vitamine che, innanzitutto, abbassa il colesterolo cosiddetto “cattivo” (LDL), trigliceridi e che diminuisce il livello alto di glucosio nel sangue.

Un prodotto nutraceutico, riconosciuto dal 2006 negli studi condotti dai ricercatori e università italiane, che hanno interessato parecchio la scienza medica e gli addetti ai lavori, avvalorando il suo ruolo terapeutico contro il colesterolo alto.

E’ stato in particolare scoperto che il succo di bergamotto contiene due princìpi naturali e attivi che agiscono da statina naturale sui livelli di trigliceridi, glicemia e colesterolo alto, ma senza provocare i gravi effetti collaterali che possono determinarsi con le statine contenute in farmaci convenzionali. Il professor Giovanni Sindona, dell’Università della Calabria, ha identificato nel bergamotto quattro flavonoidi in grado di interferire, nel corpo umano, con la sintesi naturale di colesterolo.

A differenza di altri agrumi il bergamotto reggino ha sia per la composizione sia per l’alta concentrazione di flavonoidi – che comprendono naringina, neoeriocitrin e neoesperidina – la capacità di inibire un enzima chiave nella produzione di colesterolo. A proposito di miniere dell’agrume, uno studio clinico ha coinvolto in passato 238 pazienti con ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia. Il bergamotto ha consentito di ottenere risultati che hanno evidenziato, dopo quattro settimane, un aumento del 40% di HDL (colesterolo “buono”), un calo del 36% in LDL (colesterolo “cattivo”), una diminuzione del 39% dei trigliceridi e una diminuzione del 22% di glucosio nel sangue.

Le indennità generate dall’agrume-bergamotto con fattori di grande benessere per l’essere umano diventano molto incisive e determinano:

– Salute cardiovascolare,

– Riduzione del colesterolo totale,

– Riduzione LDL,

– Riduzione trigliceridi,

– Incremento di HDL,

– Riduzione delle glicemie,

– Perdita di peso sana.

Possono beneficiare delle proprietà che già risiedono nelle vaste profonde miniere del bergamotto, persone a rischio diabete, come coloro con prediabete o sindrome metabolica. Il bergamotto oltre a curare il colesterolo alto ha benefici che si estendono pure alla prevenzione delle malattie cardiovascolari. In paesi come l’Italia è, infatti, tra le principali cause di morte l’infarto acuto del miocardio.

Se è già stata clinicamente dimostrata l’ascesa terapeutica, in commercio i prodotti curativi grazie all’integrazione del bergamotto sono molteplici. In terapia, però, potrebbero “disturbare” altri farmaci, ecco perché è opportuno sempre consultare un professionista della salute prima di intraprendere una qualunque cura e mai, quindi, agire per conto proprio.

Il succo di bergamotto e l’agrume nella sua interezza sono un concreto aiuto in senso alimentare e nutraceutico nella battaglia contro i danni alla salute provocati dall’incedere di colesterolo alto e trigliceridi. E dalla scienza medica potrebbero giungere prossimamente nuove rivelazioni, giacché i derivati del bergamotto devono essere ancora completamente esplorati.

Ultima nota sul bergamotto: Attenzione all’acquisto, accertatevi che il bergamotto sia di produzione jonico-reggina, i frutti di altre località nel mondo non hanno alcun beneficio per la salute. I particolare microclima dell’area jonica, ha creato un agrume che per caratteristiche chimiche non è riproducibile il altre parti del mondo.

Acquisto sicuro: Bergasterol, cura nutraceutica per il colesterolo.

Abbassare il colesterolo cattivo

dietaABBASSARE IL COLESTEROLO CATTIVO
Le malattie cardiovascolari, per esempio infarto o ictus, appartengono prevalentemente al mondo occidentale e sono tra le maggiori cause di morte. Uno dei fattori di rischio è il colesterolo troppo alto, o più precisamente di alti livelli di colesterolo LDL.
Il colesterolo LDL è chiamato colesterolo “cattivo” (al contrario di colesterolo “buono” HDL).

HDL, LDL

Colesterolo linee guida

Colesterolo, linee guida.

Gli americani, quelli degli Stati Uniti, del problema colesterolo sono particolarmente sensibili, sicuramente per il loro tipo di alimentazione, la colazione all’americana, i fast food…  In questo ultimo periodo sono state dettate nuove linee guida  nel quale rivedono i rapporti con le malattie cardiache: i grassi nel sangue fanno meno paura.

Pane e peroncino per il cuore

Avete mai pensato di tenere a freno i problemi cardiaci mangiando pane e peperoncino?

Secondo l’Università di Firenze, che oltre la pane , ha tenuto d’occhio alcuni alimenti tipici della tradizione italiana, come il formaggio pecorino e l’olio di oliva. Alla ricerca del benessere nei prodotti tipici, quindi non estrenanebte sofisticati e con elementi base, escludendo tutto ciò che fa marketing, il pane tradizionale sorprende per le qualità salutari. Ciò che ha scoperto la Facoltà di Agraria è che se il pane è preparato secondo antiche tradizioni e con le varietà di grano tipico, può abbassare i rischi di arteriosclerosi, di colesterolo alto e delle vie patologiche della circolazione.